Precisazioni sul Decreto vescovile

assemblea1

In relazione ad alcune richieste di maggior chiarimento circa il decreto vescovile di riconoscimento della “Confraternita della Misericordia di Oste” secondo cui sarebbero state fornite errate informazioni, pubblichiamo il decreto vescovile in copia conforme affinché chiunque voglia possa prendere atto del suo contenuto.

È approvata dal vescovo, riportando tra virgolette il nome completo: «La “Confraternita della Misericordia di Oste” quale associazione privata di fedeli». La realtà associativa della confraternita ostigiana, quindi, è approvata a prescindere dalla denominazione che essa sceglierà, a seconda dell’esito della richiesta di riconoscimento avanzata alla Confederazione Nazionale delle Misericordie d’Italia. Continua, infatti, il decreto «con la clausola che, per quanto riguarda il nome di “Misericordia”, tale denominazione dovrà ottenere l’accettazione della Confederazione Nazionale delle Misericordie».

La realtà associativa di fedeli laici – tale nell’ordinamento canonico per decreto di Sua Ecc.za Rev.ma Mons. Fausto Tardelli – operante sul territorio di Oste di Montemurlo è, dunque, la “Confraternita della Misericordia di Oste” approvata il 4 ottobre 2016.

Il mantenimento della denominazione “Misericordia” dipenderà dalla risposta affermativa alla richiesta (peraltro ancora non presentata perché in fase di compilazione) di entrare a far parte della Confederazione delle Misericordie d’Italia. La Confraternita della Misericordia di Oste non cambierà le attività e le finalità previste dal suo statuto anche se dovesse scegliere un’altra denominazione. Di seguito il decreto:

decreto

Decreto del Vescovo di riconoscimento della Confraternita della Misericordia di Oste

diocesipistoiaLa Confraternita della Misericordia di Oste congiuntamente alla Parrocchia Santa Maria Madre della Chiesa in Oste – Diocesi di Pistoia – , rende noto il “decreto di riconoscimento canonico” della suddetta confraternita da parte di Sua Ecc.za Rev.ma Mons. Fausto Tardelli, vescovo di Pistoia. La “Confraternita della Misericordia di Oste” è riconosciuta e approvata, unitamente al suo Statuto, quale associazione privata di fedeli laici in seno alla Chiesa Cattolica, ai sensi dei cc. 298 e seguenti, e 321 e seguenti, del Codice di Diritto Canonico.  Il decreto vescovile è stato firmato in data 4 ottobre 2016.

La Misericordia e la Parrocchia di Oste ringraziano il loro Vescovo per l’aiuto e l’accompagnamento puntuale ed attento che fin dal suo insediamento come vescovo di Pistoia ha dimostrato nei confronti di questa porzione del popolo di Dio a Lui affidato; l’azione pastorale e paterna del Vescovo si è resa ancora più intensa, poi, fin dal mese di marzo u.s. in cui la Misericordia di Oste subì un ingiusto commissariamento.

Misericordia di Oste: il giudice respinge il commissariamento

Il tribunale di Prato respinge il ricorso di commissariamento e condanna l’arciconfraternita di Prato a pagare le spese processuali.

Il Tribunale di Prato in data 30 ottobre 2016 ha respinto il ricorso presentato dall’Arciconfraternita della Misericordia di Prato nei confronti della Misericordia di Oste affinché il giudice dichiarasse il commissariamento valido e ingiungesse ai volontari di Oste di lasciare la sede. Le motivazioni che vedono la sentenza del Giudice a favore della Misericordia di Oste sono spiegate nelle sette pagine dell’ordinanza e possono essere sintetizzate in tre punti.

Incontro pubblico della Misericordia di Oste

incontropubblicosmallLa Misericordia di Oste invita tutti i concittadini e i volontari di Oste ad un incontro di informazione e chiarimento circa gli eventi che hanno portato all’attuale momento di difficoltà nei rapporti con la Misericordia di Prato. Vista la quantità di notizie non corrette diffuse dalla Misericordia di Prato e che circolano anche sugli organi di stampa, sentiamo il desiderio di rendere partecipe la popolazione e i volontari ostigiani sulla reltà dei fatti. Nella speranza che i rapporti con il Magistrato di Prato (il consiglio direttivo della Confraternita pratese) possano tornare ad essere fraterni e collaborativi, l’assemblea vedrà la partecipazione anche di alcuni tecnici che relazioneranno circa le questioni economiche e giuridiche. Siete pertanto invitati lunedì 12 settembre alle ore 21 presso il salone parrocchiale “don Mauro Baldi” della Parrocchia di Santa Maria Madre della Chiesa a Oste, in via Puccini 6.